Chi Siamo

Chi Siamo

STORIA, IDENTITÀ E TRAGUARDI DEL LICEO CARDUCCI

Nato nel 1932 come risposta alle richieste di alta formazione in una zona, quella nord-est di Milano, popolata dalle classi sociali più diverse, il Liceo Carducci è divenuto ben presto una scuola ‘popolare’ nel senso più alto del termine, capace di dare con i suoi allievi un contributo decisivo allo sviluppo civile, democratico ed economico della città.

Il Liceo si è mantenuto, negli oltre ottant’anni della sua storia, una solida istituzione, orientata alla formazione umana, alla conoscenza e alla libertà, e – anche grazie alla presenza, nel corpo docente, di figure prestigiose sul piano professionale e culturale – ha potuto collocarsi in un ambito qualificato tra le istituzioni scolastiche milanesi e nella storia della città.

L’istituto del Liceo Classico, proprio in virtù della sua tradizione ha potuto, e ancora di più oggi può e deve, riprogettare la propria missione e il proprio ruolo, con un modello educativo e formativo che gli permetta di essere una scuola di avanguardia. Insegnare codici millenari deve servire a saper decifrare i segni di una società multietnica, globalizzata, digitalizzata e complessa, sospesa tra incognite e opportunità.

In questa direzione, negli ultimi anni, il Liceo Carducci ha saputo rinnovare la sua tradizione di serietà e rigore, riuscendo ad attivare un percorso nel quale spinte, direzioni e contributi sono stati convogliati in una serie di proposte intelligenti e innovative. Portare il teatro e la musica tra i banchi, ad esempio, non è stata solo una operazione di ispessimento culturale, ma la riprova che il percorso di studi può e deve essere un percorso di costruzione della persona attraverso l’apprendimento. Si tratta di un beneficio reciproco, che la scuola deve cercare e trasmettere nella sua organizzazione a partire dal singolo docente: sempre più il percorso di apprendimento è accompagnato da un rapporto costruttivo e di fiducia reciproca tra docenti e studenti.

Vogliamo trasmettere la consapevolezza che non si studia solo per le valutazioni finali, in attesa di una misurazione, sia pure la più millimetrica, precisa e oggettivata, ma per acquisire conoscenze e competenze da potenziare e utilizzare nel corso della vita.

Il rapporto di autovalutazione dell’Istituto mostra i grandi traguardi raggiunti dagli studenti e l’attestazione delle loro capacità espresse nel prosieguo degli studi (il rapporto annuale “Eduscopio” della Fondazione Agnelli ha indicato che sia nel 2015 che nel 2016 il Carducci è stato il primo liceo statale milanese per i risultati ottenuti dai suoi ex studenti al primo anno di università) ma indica anche nettamente che per realizzare un miglioramento ulteriore si deve continuare a percorrere la strada del rinnovamento didattico: rendere le proposte del percorso educativo e formativo sempre più connotate e integrate, percorribili e trasparenti.

Il Liceo Carducci può consentirsi questa possibilità: per i traguardi finora raggiunti, perché elevate sono le potenzialità dei suoi insegnamenti e dei suoi insegnanti così come grandi sono l’impegno e la motivazione dei suoi attori, le studentesse e gli studenti che scelgono di frequentarlo.

Le finalità dell’Istituto si propongono di integrare didattica tradizionale e didattiche alternative, attività pratiche e saperi teorici, annodando disciplina con disciplina in una sinergia di lingue e linguaggi. Mettere in grado più insegnanti di disporre di spazi organizzativi flessibili per esprimere la propria professionalità e diffonderla, rendendola replicabile, è il premio di una buona scuola, è indice di una comunità che vive concretamente l’irrinunciabile bene fondante della società: la formazione.

Lo scopo non è l’allettamento dell’utenza, ma permettere al docente di orientare lo studente, quindi di osservarlo tra altri studenti, intento a costruire il proprio percorso e a scoprirsi mentre lo percorre, intercettare le sue disposizioni, le sue attitudini, il suo progressivo adattamento. In questo movimento entra in gioco la sensibilità del docente, quando conoscenze e abilità si scoprono funzionali all’attivazione della competenza, in un circolo virtuoso piuttosto che in una progressione lineare; la competenza è perciò trasversale e ravvisabile solo nell’integrazione delle discipline. Non può esistere competenza se non viene stimolata la relazionalità necessaria a produrla, studente con studente, docente con docente. Inclusione significa quindi riuscire a far partecipare tutti, con gli altri.

 

FINALITÀ: OBIETTIVI STRATEGICI

In relazione all’attuazione della legge 107/2015, l’“Atto di indirizzo riguardante la definizione e la predisposizione del PTOF” da parte del Dirigente Scolastico, le risultanze del processo di autovalutazione di istituto (RAV) e le conseguenti priorità, traguardi e obiettivi di processo, sui quali è stata fondata l’analisi per l’elaborazione del Piano di Miglioramento, sono state individuate le seguenti direttrici di azione:

1) innovazione delle metodologie didattiche, che tengano conto della descrizione e del raggiungimento di competenze e della loro relativa valutazione, elaborate e condivise in modo sistemico dai Dipartimenti Disciplinari e dal Collegio dei Docenti;

2) sviluppo di didattiche laboratoriali;

3) potenziamento della padronanza della lingua inglese negli ambiti disciplinari mediante l’attivazione di moduli CLIL (Content language integrated learning);

4) impostazione progettuale e valutativa delle azioni di alternanza scuola-lavoro, come esperienze di orientamento del sé, sia nella prospettiva della scelta universitaria, sia in quella della formazione all’etica e alla cultura del lavoro, anche in una dimensione internazionale;

5) sviluppo di raccordi sempre maggiori con le Università e le scuole di ordine inferiore per la realizzazione di un curricolo verticale che renda davvero orientante e aperto il percorso liceale.

Per realizzare queste finalità, il liceo può usufruire anche di forme di flessibilità oraria previste dall’autonomia didattica e organizzativa, e cioè:

– l’adattamento dell’orario scolastico, anche in forme di flessibilità pomeridiana, per potenziare la progettazione interdisciplinare e trasversale, con attività a classi aperte, per fasce di livello, scambi e/o copresenza di docenti e ogni altra metodologia volta a favorire le forme di didattica laboratoriale finalizzate alla collaborazione fra pari per il raggiungimento del successo formativo degli studenti, rispettandone i tempi e gli stili di apprendimento;

– sviluppo degli arricchimenti di “Teatro” e “Musica” e avvio di nuovi arricchimenti formativi nel biennio.

Per valorizzare lo sviluppo professionale, la formazione e l’aggiornamento dei docenti chiamati alla realizzazione di tali finalità, per favorirne il supporto e la relazione in una logica di sistema, si prevede un piano di formazione per i docenti e il personale ATA, oltre ai consueti ambiti dedicati al rafforzamento delle competenze disciplinari e alla formazione obbligatoria sulla sicurezza.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi